Santo del giorno: Domenico Savio, il santo bambino allievo di Don Bosco

Published on May 6 2019 • Culture

Oggi, 6 maggio, in Piemonte si festeggia Domenico Savio, il santo bambino - morì a soli 14 anni - allievo di Don Bosco.


Chi era Domenico Savio

Nato il 2 aprile 1842 a Riva di Chieri, secondo di dieci fratelli, figlio di un fabbro e di una sarta, Domenico Savio si trasferì con la famiglia nel 1843 a Murialdo (frazione di Castelnuovo d'Asti, l'odierno Castelnuovo Don Bosco).

L'8 aprile 1849 ricevette la prima comunione e tracciò il suo progetto di vita: “Mi confesserò molto sovente e farò la Comunione tutte le volte che il confessore me ne darà il permesso. Voglio santificare i giorni festivi. I miei amici saranno Gesù e Maria. La morte ma non peccati”.

Nel 1853 i Savio si trasferirono a Mondonio, frazione di Castelnuovo Don Bosco, e qui (il 2 ottobre 1854) incontrò per la prima volta Don Bosco.

Il santo educatore rimase sbalordito da questo ragazzo: “Conobbi in quel giovane un animo tutto secondo lo spirito del Signore e rimasi non poco stupito considerando i lavori che la grazia di Dio aveva operato in così tenera età”.

Ammalatosi gravemente, morì il 9 marzo 1857 a Mondonio, fra le braccia dei genitori.

Queste le sue ultime parole: “Mamma non piangere, io vado in Paradiso”. E poi ancora, con gli occhi fissi: “Che bella cosa io vedo mai!”.

Papa Pio XII lo proclamò santo nel 1954.


Vedi anche:

Personaggi Illustri: San Domenico Savio

Chiesa dei Santi Maria e Domenico Savio

Casa di San Domenico Savio | Frazione Mondonio


Guida turistica di Castelnuovo Don Bosco


 Municipium: l'app gratuita di Astigov
App Store | Play Store


Social

 Instagram  Twitter