Regione Piemonte

Calamandrana

Ultima modifica 25 marzo 2019

Calamandrana: tra colline dipinte di Barbera e Moscato, la fortezza che domina la Valle Belbo.


Paesaggio.

Il Comune di Calamandrana si suddivide in due aree (Calamandrana Alta e Calamandrana Bassa) ed è composto da più centri abitati: Quartino (Municipio), Bruciati, Chiesa Vecchia, Valle San Giovanni.

Da punto di vista dell'economia, anche se in tempi recenti si sono insediate nella piana del Belbo alcune industrie di rilevante importanza produttiva, lo zoccolo duro resta quello agricolo, con numerose aziende vivaistiche nella parte più pianeggiante del territorio e con altrettante numerose aziende vitivinicole in quella collinare.

Il paese si estende su una superficie di 12.79 km² e conta una popolazione di circa 1700 abitanti.

Dista circa 35 Km dal capoluogo provinciale, Asti.


Storia.

Le terre che oggi costituiscono il Comune di Calamandrana furono abitate nell'antichità, da popolazioni di origine Celtica, i Liguri, sconfitti versi il 200 a.C. dai Romani; dopo la caduta dell'Impero passarono a far parte dei possedimenti del Marchesato del Monferrato per un limitato periodo di tempo (inizio secolo XII)

Il primo accenno al nome "Calamandrana" appare in un documento pubblico dell'anno 1129 dove si fa riferimento a un "manso", cioè un podere di questo territorio donato dal castellano Guglielmo, figlio di Amedeo, al monastero di Santa Maria presso Acqui.

Si potrebbe essere tentati di ricondurre il nome Calamandrana (con ben cinque "a") all'espressione "calano le mandrie" poiché il nucleo principale degli abitanti abitava, in passato, il colle con in cima il Castello e i vecchi contadini portavano al pascolo il gregge "alla piana".

"Calamandrana" deriva, invece, con maggiore probabilità da una quercia nana che in Piemonte viene chiamata "calamandrina", poiché un tempo le colline erano coperte di boscaglie di olmi e querce. In alcuni atlanti del Settecento il nome di Calamandrana è chiaramente scritto "Calamandrina".

Il territorio di Calamandrana fu possesso di Bonifacio del Vasto, che lo cedette ai San Marzano di Canelli, sottomessosi ad Alessandria agli inizi dei secolo XIII.

Durante la cruenta battaglia per l'annessione al feudo alessandrino, gli abitanti di Calamandrana abbandonarono temporaneamente la piana e ripararono presso la chiesa di San Giovanni in Lanerio (fondata dalla Regina Teodolinda) dove edificarono il nuovo centro di Nizza della Paglia (l'attuale Nizza Monferrato).

Il dominio di Calamandrana ripassò nel 1232 ad Asti per opera di Federico II, quindi ai Marchesi del Monferrato che lo concessero al Marchesato di Incisa e nel 1305 passò agli Asinari.

Nell'anno 1657 Calamandrana venne concessa dal Duca di Mantova al Marchese Giovanni Maria Piccolomini, nel 1672 passò al conte mantovano Matteo Quinciani. Nel 1682 divenne conte di Calamandrana il calamandranese Francesco Maria Cordara che iniziò la costruzione del Castello (quale si può vedere anche oggi) che comprendeva l'antica Torre.

Mentre il dominio della Casa Ducale di Mantova volgeva al declino, Casa Savoia si affermava su tutto il territorio piemontese.

La Resistenza.

Subito dopo l'8 settembre 1943, nello scioglimento dell'esercito italiano, a Calamandrana si rifugiarono parecchi soldati fuggiti dalle caserme. La popolazione e il parroco don Emilio Carozzi, uomo coraggioso, li accolsero e li aiutarono.

Nel novembre 1943 a Calamandrana Alta prese vita una formazione partigiana con oltre cento giovani.

Iniziarono anche qui rastrellamenti e perquisizioni. Allora i partigiani decisero di lasciare il paese, spostandosi più in alto.

Una compagnia di cinquanta militari della "Muti" vi prese stanza stabile.

Sul finire del '44 si svolsero frequenti scontri. Vi sarà anche un morto. Una volta ben 80 persone vennero prese come ostaggi e minacciate, le case saccheggiate.

Verso la fine del 1945, ritornarono in forza i partigiani. Di lì si poteva controllare bene Canelli e la strada per Nizza. Si preparava l'azione finale. In questa situazione drammatica venne anche incendiato il Municipio.


Amministrazione.


Enogastronomia e prodotti tipici.

Calamandrana è una terra a forte vocazione vitivinicola.

Molto diffusi sono i vigneti di Barbera e Moscato; i vini possono essere degustati nelle varie cantine sparse sul territorio e nella Bottega del Vino.


Da vedere.

Calamandrana “cala” un tris di bellezze architettoniche assolutamente da non perdere: la Chiesa di San Giovanni alle Conche, di epoca romanica anche se nel corso del tempo ha subito diverse trasformazioni, la chiesa parrocchiale - barocca - della Concezione di Maria Vergine, eretta nell’area dell’antico borgo, e il Castello, distrutto nel 1225 e ricostruito nel XIII secolo, unico rimasto dei sei esistenti sulle colline circostanti.

Oggi l’antico maniero, di proprietà privata, è adibito ad abitazione.

Si consiglia una visita anche all’altra chiesa parrocchiale, nella parte bassa del paese, quella intitolata al Sacro Cuore, che si distingue per l'interessante tessitura muraria in pietra e mattoni.


Curiosità.

A Calamandrana, nel 1704, nacque Giulio Cesare Cordara, gesuita e storico italiano.

Ordinato sacerdote nel 1733, fu gran frequentatore di salotti della più alta nobiltà romana (era intimo amico delle famiglie Orsini ed Albani) e amico e consigliere di Papa Benedetto XIV e dei Principi Stuart in esilio, ricoprendo in tale periodo diverse cariche fino alla soppressione della Compagnia di Gesù.

Fu anche storico, filosofo e poeta satirico molto lodato per il suo latino elegante e puro.


Municipium Scarica Municipium, l'app ufficiale - gratuita - del progetto Astigov.
App Store | Play Store


Social.

Astigov su Instagram Instagram

Astigov su Twitter Twitter