Regione Piemonte

Baldichieri d’Asti

Ultima modifica 25 marzo 2019

Da avamposto romano a destinazione gourmet: Baldichieri da gustare.


Paesaggio.

Baldichieri d’Asti conta una popolazione di circa 1100 abitanti distribuita su una superficie di 5 km².

Il paesaggio, prettamente collinare, alterna campi, vigneti, prati, boschi.

Dista circa 12 km da Asti, capoluogo provinciale.

Il comune dispone di una stazione ferroviaria, la Baldichieri-Tigliole, fermata della linea Torino-Genova, e della locale stazione dei Carabinieri.

Baldichieri partecipa dal 1988 al Palio di Asti, la storica corsa di cavalli montati a pelo protagonista del Settembre Astigiano. Il Comitato Palio di Baldichieri d’Asti ha sede in via Re Umberto I, 14

In ambito sociale il comune di Baldichieri d'Asti si è sempre distinto per la sua sensibilità alle istanze dei malati di Sla, malattia degenerativa e progressiva del sistema nervoso, attualmente incurabile.

Referente provinciale dell'Aisla (associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica) è il baldichierese Vincenzo Soverino, il quale ricopre anche la carica di consigliere nazionale.


Storia.

Fu avamposto romano fin dal I secolo d.C.

Sul sedime oggi occupato dal cimitero comunale un tempo sorgeva il castello medievale di Baldichieri d'Asti.

Il castello e l'antico borgo furono distrutti nel 1553 dai Francesi insieme ai castelli di Tigliole e Camerino.


Amministrazione.


Enogastronomia e prodotti tipici.

Sede d'importanti insediamenti produttivi, industriali, artigianali e commerciali, Baldichieri è nota per l’eccellente qualità delle carni e dei vini, tra cui Barbera d’Asti e Freisa d’Asti.

La genuinità dei prodotti tipici locali è esaltata nei piatti più caratteristici della zona: asparagi con fonduta, carciofi alla monferrina, capunet di verza.


Da vedere.

Tra gli edifici di maggiore interesse storico e artistico si ricordano il settecentesco palazzo comunale in via Re Umberto I, la chiesa parrocchiale di San Secondo, edificata tra il 1560 e il 1580, caratterizzata da interesse giochi chiaroscurali della facciata e dal cui sagrato a forma di terrazza è possibile godere di uno splendido panorama sui declivi circostanti, l'la Chiesa di San Secondo nel parco della Rimembranza, edificata nel Settecento sui resti di un precedente edificio del XIV secolo.


Curiosità.

Il decreto di concessione dello stemma del comune di Baldichieri d’Asti è forse uno dei più antichi ancora conservati in Provincia di Asti.

Il documento è presente negli archivi comunali ed è interessante per le firme in calce del Re Vittorio Emanuele e dell'allora capo di Governo Benito Mussolini.


Municipium Scarica Municipium, l'app ufficiale - gratuita - del progetto Astigov.
App Store | Play Store


Social.

Astigov su Instagram Instagram

Astigov su Twitter Twitter